Ancora una volta il nostro Istituto ha dato prova di grande coesione. Quella che nessuno chiamerebbe semplicemente “Festa di fine anno”, ma “Festa della formazione”, ha dato risalto a piattaforme educative “analogico-digitali” realizzando una perfetta sintesi tra musica, danza, sport, ambiente, tecnologia… Le sinergie messe in campo sulla spinta dell’infaticabile determinazione della dirigente scolastica, hanno permesso a ragazzi, genitori, docenti, autorità locali di vivere intensamente dei momenti forse irripetibili. Ma già si pensa al futuro. Ad esempio il concorso “Giovani in Musica”, magari nel mese di dicembre, da estendere alle scuole della provincia; il concerto di fine anno a tema, con l’apertura del repertorio a tutti gli ordini di scuola in una sorta di classi aperte in verticale (infanzia, primaria, secondaria) e tanto, tanto altro ancora in quell’intreccio di saperi più che mai condivisi. E non finisce certo qui… il nostro sguardo è sempre proteso verso il futuro.