Prevenzione del disagio giovanile

a cura delle Prof.sse Sandra Luccioni, Maria Piane

Sette anni di partecipazione al “PREMIO GIORGIO GABER PER LE NUOVE GENERAZIONI” – Libertà è partecipazione- ma … nessuna crisi … la classe IIA della scuola secondaria di I grado “A. Deci” ed alcuni alunni dell’Istituto Superiore “F. Besta” hanno superato la prova e sono risultati vincitori, ex-aequo con altre scuole, della sezione teatro-medie e secondi nella classifica generale con la rappresentazione teatrale “Chiara nel parco delle meraviglie”.

Il “Premio Gaber” non è un Premio che crea “attori in erba” per la recitazione o l’impianto artistico (quello di Orte tutto fatto in casa!!!) bensì una reale e concreta occasione per assumere un ruolo partecipativo. I ragazzi imparano che il prodotto artistico non è una semplice esibizione pubblica ma il risultato di un’idea.
Il mezzo artistico favorisce l’incontro e il confronto, rivolge uno sguardo critico e consapevole alla società moderna e ai suoi problemi … omologazione, integrazione, violenza sulle donne, droga.
Si sale sul palco con tante paure poi … Si spengono le luci, comincia la musica e tutto è al suo posto.
Altri ragazzi provenienti da tutta Italia ascoltano in silenzio, cercano di capire…perché “Chiara nel parco delle meraviglie”???
La prof. ssa Sandra Luccioni, referente del progetto, e il suo” supporto”, prof.ssa Maria Piane, ringraziano i ragazzi e i loro genitori per il lavoro svolto, la prof.ssa Guazzaroni e la Comunità Incontro di Amelia per la collaborazione.