ORTE – Due giorni per l’indagine internazionale PISA – OCSE.

In questi giorni, il 9 e 10 aprile, gli studenti delle classi seconde dell’Istituto Superiori nati nel 2002 sono sottoposti a test di indagine PISA- OCSE: un’indagine internazionale “Programme for International Student Assessment” promossa dall’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) che coinvolge più di 80 Paesi.

Una rilevazione di estrema importanza che permette di raccogliere informazioni di contesto sulle pratiche educative nei paesi partecipanti e di validare lo sviluppo delle competenze degli studenti europei in matematica, scienze, lettura e in ambito finanziario;

I risultati possono essere utilizzati per:

– conoscere il livello di preparazione degli studenti in Italia, nel momento in cui questi potrebbero decidere di lasciare la scuola;
– permettere a scuole, sistemi di istruzione e governi di individuare di volta in volta gli aspetti da migliorare;
– consentire un confronto tra il rendimento degli studenti e i contesti di apprendimento dei diversi Paesi.

PISA 2018 ha come dominio principale la competenza in lettura (reading literacy), che si riferisce alla comprensione, all’utilizzo e alla riflessione su testi scritti al fine di raggiungere i propri obiettivi, di sviluppare le proprie conoscenze e le proprie potenzialità e di svolgere un ruolo attivo nella società. La reading literacy non rappresenta un’abilità che si acquisisce unicamente nell’infanzia, durante i primi anni di scuola, ma un insieme di conoscenze, abilità e strategie in continua evoluzione, che gli individui sviluppano nel corso della vita, attraverso le interazioni con i pari e con i gruppi più ampi di cui fanno parte.

Per lo studio saranno utilizzati unicamente strumenti in formato digitale. La rilevazione utilizzerà due tipologie di strumenti:
– Prova cognitive (di Lettura, Matematica, Scienze e Financial Literacy)
– Questionari per la rilevazione delle variabili di contesto (Questionario Studente, Questionario Scuola e Questionario Genitori)